Z Tranche

Cos’è una Z Tranche?

AZ tranche è il più basso in classifica tranche di un  obbligo ipotecarie garantite  (OCM) in termini di anzianità. I suoi proprietari non hanno diritto ad alcun pagamento di cedole, non ricevendo alcun flusso di cassa dai mutui sottostanti fino a quando le tranche più senior non vengono ritirate o pagate.

Invece di pagare gli interessi alla tranche Z, il denaro viene utilizzato per pagare più velocemente il capitale delle tranche superiori. A sua volta, il capitale della tranche Z aumenta in questo periodo a causa degli interessi maturati. La tranche Z è anche scritta come “Z-tranche” e denominata “tranche di accumulo”.

Punti chiave

  • La tranche AZ è una parte di un prodotto finanziario strutturato che riceve i pagamenti solo dopo che tutte le altre tranche sono state ritirate.
  • Invece di pagare gli interessi alla tranche Z, il denaro viene utilizzato per pagare più velocemente il capitale delle tranche superiori.
  • Aspettare che tutti gli altri raccolgano per primi significa che i possessori di tranche Z sono i più propensi a rimanere vuoti.

Capire una Z Tranche

I CMO, un tipo di titolo garantito da  ipoteca  (MBS) che contiene un pool di mutui per la casa raggruppati insieme e venduti come investimento, sono stratificati in modo che le esigenze contrastanti dei vari  investitori possano essere soddisfatte utilizzando lo stesso pool di attività.

Le tranche vengono create per suddividere i diversi profili di mutuo in sezioni che hanno condizioni finanziarie adatte a specifici investitori. La tranche A, ad esempio, può offrire un reddito a breve termine e un tempo di scadenza più breve. La tranche B offrirebbe quindi un arco di tempo più lungo di flusso di cassa costante.

Nella parte inferiore della struttura c’è la tranche Z. La tranche Z viene utilizzata principalmente per migliorare l’attrattiva delle tranche sopra di essa. I pagamenti che andrebbero alla tranche Z invece sono dedicati ad accelerare la scadenza delle tranche senior.

Limitazioni di una Z Tranche

La tranche Z svolge un ruolo fondamentale nella creazione e nel successo a lungo termine di un CMO, contribuendo a rendere più sicure le sue tranche senior. Ciò significa anche che non tendono a fare investimenti molto interessanti. Le tranche Z sono descritte come le tranche più rischiose per un motivo. Possono volerci decenni prima che un investitore veda denaro da loro, quindi i loro titolari sono contro il  valore del denaro nel tempo.



Le tranche Z hanno una durata media da 18 a 22 anni, di cui si prevede che il periodo di maturazione durerà da 8 a 10 anni, sebbene un tasso di pagamento anticipato superiore alle aspettative possa abbreviare notevolmente entrambi.

Aspettare che tutti gli altri raccolgano per primi arriva con molti altri avvertimenti. Come abbiamo visto durante la Grande Recessione, i proprietari di abitazione possono eventualmente andare in default sui prestiti. Un altro grande rischio che aumenta nel tempo è rappresentato dai saldi in sospeso sui mutui che vengono estinti prima del previsto. Questo fenomeno, noto come rischio di pagamento anticipato, impedisce ai titolari di MBS di recuperare tutti i pagamenti di interessi che si aspettavano di ricevere come parte del loro investimento.

Tranche Z affrontare un sacco di volatilità sui loro durata di vita, come i tassi di interesse fluttuano e la piscina mutuo passa attraverso la sua rifinanziamento attacchi e di rifinanziamento del burnout.



La volatilità che sperimenta la tranche Z fornisce ulteriore stabilità alle tranche superiori, rendendola il giocatore di squadra per eccellenza all’interno della stratificazione CMO.

Vantaggi di una Z Tranche

Nonostante questi difetti, esiste un mercato per le tranche Z, che indica che ci sono persone là fuori che scelgono di investire in esse. Questi individui di solito hanno un capitale a portata di mano e vogliono parcheggiarlo piuttosto che dover reinvestire regolarmente.

Gli investitori tipici della tranche Z includono coloro che possiedono passività a lungo termine o coloro che si preoccupano del  rischio di reinvestimento, la possibilità di non essere in grado di reinvestire i flussi di cassa a un tasso paragonabile al loro tasso di rendimento corrente.