ZWD (dollaro dello Zimbabwe)

Cos’era lo ZWD (dollaro dello Zimbabwe)?

ZWD è l’abbreviazione di valuta per il dollaro dello Zimbabwe, che era la valuta ufficiale della Repubblica dello Zimbabwe dal 1980 al 2009. Lo ZWD, o dollaro dello Zimbabwe, non è più coniato o riconosciuto come valuta ufficiale dello Zimbabwe.

Il dollaro dello Zimbabwe era composto da 100 centesimi e veniva spesso presentato con il simbolo $, o talvolta Z $ per distinguerlo dalle altre valute denominate in dollari.

Punti chiave

  • Il dollaro dello Zimbabwe (ZWD) è stata la valuta ufficiale dello Zimbabwe dal 1980 al 2008.
  • Nel 2007-2008, la ZWD ha vissuto uno dei peggiori episodi di iperinflazione mai registrati, con i prezzi che raddoppiano circa ogni giorno al suo apice.
  • A seguito dell’iperinflazione, la ZWD è stata ritirata attraverso un processo di demonetizzazione e una transizione a un paniere di valute regionali. Nel 2019, il sistema a più valute è stato sostituito da una nuova valuta, il dollaro RTGS.

Capire il dollaro dello Zimbabwe

La turbolenta storia del dollaro dello Zimbabwe (ZWD) per molti versi si allinea con gli alti e bassi che il paese e la sua gente hanno attraversato negli ultimi anni. Un tempo uno dei centri agricoli della regione che produceva grandi volumi di cibo per le aree circostanti, lo Zimbabwe e il suo panorama finanziario hanno subito alcune sfide significative che hanno avuto gravi effetti sull’economia del paese. Per la maggior parte degli ultimi due decenni, il popolo dello Zimbabwe ha sopportato una carestia diffusa a causa di gravi siccità. Questa sfida meteorologica, a sua volta, ha portato alla povertà e alla carenza di cibo in molte parti della nazione.

Introdotto per la prima volta nel 1980, il dollaro dello Zimbabwe ha sostituito il dollaro della Rhodesia alla pari. Questa valutazione ha fatto valere più del dollaro USA, ma quel valore è rapidamente diminuito a causa dell’iperinflazione  nel paese. Questa inflazione fuori controllo ha spinto la ZWD verso il basso, e ad un certo punto è stata la valuta meno preziosa al mondo.

98%

Il tasso medio giornaliero di inflazione della ZWD durante il culmine dell’iperinflazione dello Zimbabwe, nell’autunno 2008.

La ridenominazione  del dollaro dello Zimbabwe è avvenuta nel 2006, 2008 e di nuovo nell’agosto del 2009. Soprannominata “Operazione Sunrise”, la prima ZWD rivalutata a 1000: 1 alla seconda emissione del dollaro dello Zimbabwe nel 2006. L’anno successivo la Reserve Bank of Lo Zimbabwe ha dichiarato l’inflazione illegale e ha vietato l’aumento dei prezzi. Tuttavia, l’inflazione era ancora al 1.000%.

La seconda rivalutazione è iniziata nel 2008. Il governo ha iniziato a consentire ad alcuni rivenditori di accettare altre valute estere mentre stampavano banconote con valori sempre più alti per tenere il passo con l’inflazione. Infine, nel 2009, il governo ha annunciato una terza rivalutazione con 1.000.000.000.000 di terzi di dollari scambiati con 1 della quarta emissione di dollari. L’inflazione ha continuato a devastare l’economia e la Reserve Bank ha continuato a stampare più banconote.

L’iperinflazione dello Zimbabwe

Problemi di inflazione dello Zimbabwe sono iniziati ben prima del periodo di iperinflazione ufficiale che ha avuto inizio nel 2007. Nel 1998, l’inflazione annuale del paese africano è stato  eseguito  al 47%, e ad eccezione di una lieve diminuzione nel 2000, è aumentato costantemente fino al periodo di iperinflazione, la fine del che ha visto il dollaro dello Zimbabwe abbandonato a favore di una serie di valute estere.

Dopo la sua indipendenza nel 1980, il governo dello Zimbabwe ha perseguito politiche fiscali relativamente disciplinate. Tutto ciò cambierebbe una volta che il governo avesse deciso che la necessità di sostenere il suo sostegno politico in declino ha avuto la precedenza sulla prudenza fiscale. Nella seconda metà del 1997, una combinazione di pagamenti dovuti ai veterani di guerra, l’incapacità di aumentare le tasse a causa delle proteste in tutto il paese e la decisione annunciata del governo di acquisire obbligatoriamente (con parziale compensazione) fattorie commerciali di proprietà dei bianchi da ridistribuire ai neri senza terra. la maggioranza ha alimentato le preoccupazioni sulla posizione fiscale del governo. Numerose corse sulla valuta hanno portato a un deprezzamento del tasso di cambio, che ha causato un aumento dei prezzi all’importazione, innescando l’inizio dei problemi di inflazione del paese. (Per saperne di più, vedere:  Cosa causa una crisi valutaria?)

Questa  inflazione iniziale  spinta dai costi sarebbe stata aggravata dalla decisione del governo, nel 2000, di portare avanti la sua iniziativa di riforma agraria di acquisire obbligatoriamente le aziende agricole commerciali di proprietà dei bianchi. Questa ridistribuzione ha creato un tale sconvolgimento nelle aziende agricole che la produzione agricola è diminuita drasticamente in pochi anni. A sua volta, questo shock dell’offerta ha spinto i prezzi al rialzo, motivando un governatore della banca centrale appena nominato a nominare l’inflazione come il nemico numero uno dello Zimbabwe nel 2004.

Sebbene sia riuscita a rallentare l’inflazione, una  politica monetaria più restrittiva ha  esercitato pressioni sia sulle banche che sui produttori nazionali, minacciando di destabilizzare completamente il sistema finanziario e l’economia in generale. La banca centrale dello Zimbabwe è stata costretta a impegnarsi in politiche quasi fiscali per mitigare gli effetti destabilizzanti della politica monetaria più restrittiva, che a sua volta è servita a annullare qualsiasi precedente successo antinflazionistico creando uno   stile di inflazione che attira la domanda che è degenerato in iperinflazione a partire dal 2007. Questa iperinflazione è rimasta in Zimbabwe fino a quando l’uso della valuta estera come mezzo di scambio è diventato predominante.

Morte del dollaro dello Zimbabwe in difficoltà

Dopo anni di iperinflazione, il governo dello Zimbabwe ha annunciato la demonetizzazione  della ZWD nel 2009, divenuta definitiva nel 2015. La demonetizzazione è il processo di rimozione ufficiale dello status legale di un’unità monetaria. Sempre nel 2009, il governo ha legalizzato l’uso di valute estere e ad aprile ha abbandonato l’uso della ZWD.

Il paese passerà gradualmente dalla ZWD all’uso di più sistemi valutari nei prossimi anni, tra cui la Pola del Botswana (BWP), la rupia indiana (INR), l’euro (EUR), il dollaro USA (USD) e il Rand sudafricano ( ZAR). Almeno nove valute diverse hanno avuto corso legale nel paese. Nel 2015, il governo ha annunciato che coloro che avevano conti bancari potevano scambiare 35 quadrilioni di dollari dello Zimbabwe per 1 USD in quei conti.

I commercianti in Zimbabwe hanno le loro preferenze sul tipo di denaro da accettare, ma il dollaro USA è il più ampiamente accettato in tutto il paese. Alla fine del 2016, il governo dello Zimbabwe ha anche introdotto un lotto di note obbligazionarie come forma di valuta alternativa, con una nota obbligazionaria con un tasso di cambio di 1: 1 con il dollaro USA.

Nel giugno del 2019, la Reserve Bank of Zimbabwe ha abolito il sistema a più valute e lo ha sostituito con un nuovo dollaro dello Zimbabwe noto come RTGS Dollar

Durante gran parte della sua esistenza, il cambio del dollaro dello Zimbabwe più popolare nel mercato valutario internazionale è stato il tasso ZWD / USD.

Secondo i  dati della Banca mondiale, lo Zimbabwe ha iniziato a tenere sotto controllo i suoi problemi di inflazione. Attualmente, il paese sperimenta un tasso di inflazione annuo del 3,8% e ha una crescita del prodotto interno lordo (PIL) del 4%, a partire dal 2018, che è l’anno più recente dei dati disponibili.