Quota Emessa vs. Capitale Sociale Sottoscritto: qual è la differenza?

Capitale sociale emesso e capitale sociale sottoscritto: una panoramica

Il capitale sociale si riferisce all’importo del finanziamento che una società raccoglie attraverso la vendita di azioni a investitori pubblici. Ciò significa che la società concede agli azionisti una piccola quota di proprietà nella società in cambio di investimenti monetari. Il capitale sociale costituisce la principale fonte di finanziamento azionario e può essere generato attraverso la vendita di azioni ordinarie o privilegiate.

Le azioni ordinarie sono ciò a cui la maggior parte delle persone pensa quando parla del mercato azionario. Gli azionisti comuni o ordinari hanno diritto di voto e partecipano alle principali decisioni aziendali. Sebbene le società a volte paghino dividendi su azioni ordinarie, non sono tenute a pagarli.

Punti chiave

  • Il capitale sociale è il totale di tutti i fondi raccolti da una società attraverso la vendita di azioni agli investitori.
  • Il capitale sociale emesso è il valore delle azioni effettivamente detenute dagli investitori.
  • Il capitale sociale sottoscritto è il valore delle azioni che gli investitori hanno promesso di acquistare al momento del rilascio.
  • Il capitale sociale sottoscritto fa solitamente parte di una IPO.

Le azioni privilegiate, chiamate anche azioni privilegiate, non comportano gli stessi tipi di diritti di proprietà delle azioni ordinarie. Tuttavia, generalmente includono un dividendo garantito ogni anno che deve essere pagato prima che i dividendi possano essere distribuiti agli azionisti comuni. In breve, sebbene gli azionisti privilegiati abbiano meno diritti, hanno un diritto più elevato sui beni aziendali.

Sebbene il capitale sociale si riferisca a un importo in dollari, è dettato dal numero e dal prezzo di vendita delle azioni di una società. Ad esempio, se una società emette 1.000 azioni per $ 25 per azione, genera $ 25.000 di capitale sociale.

Il capitale sociale è generato solo dalla vendita iniziale di azioni della società agli investitori. Se l’investitore continua a scambiare tali azioni con una terza parte, qualsiasi profitto realizzato sulla vendita non contribuisce al capitale sociale della società emittente.

Capitale Sociale Emesso

Le azioni emesse sono le azioni vendute e detenute dagli investitori di una società. Questi investitori possono includere grandi istituzioni o singoli investitori al dettaglio.

Il capitale sociale emesso è semplicemente il valore monetario delle azioni che una società offre effettivamente in vendita agli investitori. Il numero di azioni emesse corrisponde generalmente all’importo del capitale sociale sottoscritto, sebbene nessuno dei due importi possa superare l’importo autorizzato.



Quando una società si prepara a “andare pubblico ” mediante l’emissione di magazzino per la prima volta, gli investitori possono presentare domanda esprimere il loro desiderio di partecipare.

Capitale Sociale Sottoscritto

Le azioni sottoscritte sono azioni che gli investitori hanno promesso di acquistare. Queste azioni vengono solitamente sottoscritte come parte di un’offerta pubblica iniziale (IPO).

I sottoscrittori spesso promettono di consegnare un certo numero di azioni sottoscritte prima dell’IPO. I sottoscrittori sono generalmente grandi investitori istituzionali e banche. Il capitale sociale sottoscritto si riferisce al valore monetario di tutte le azioni per le quali gli investitori hanno manifestato interesse.

considerazioni speciali

Il capitale azionario può rientrare in una delle numerose altre categorie, a seconda di dove si trova la società nel processo di aumento del capitale. Includono quanto segue:

Capitale sociale autorizzato

L’importo massimo del capitale sociale che una società può raccogliere è chiamato capitale autorizzato. Sebbene ciò non limiti il ​​numero di azioni che una società può emettere, pone un limite all’importo totale di denaro che può essere aumentato dalla vendita di tali azioni.

Capitale Sociale Richiamato vs. Versato

A seconda dell’attività e delle normative applicabili, le società possono emettere azioni agli investitori con la consapevolezza che gli investitori pagheranno in un secondo momento. Eventuali fondi dovuti per azioni emesse ma non interamente liberate sono richiamati al capitale sociale. Eventuali fondi rimessi per azioni sono considerati capitale versato.

Altri tipi di capitale, come il finanziamento del debito o il finanziamento mezzanino, non sono considerati capitale sociale. Il capitale di debito include fonti di finanziamento come linee di credito, prestiti aziendali e saldi di carte di credito. Sebbene il finanziamento mezzanino, come il capitale sociale, sia incluso nella sezione del patrimonio netto del bilancio, non è considerato capitale sociale.