3 Maggio 2021 19:11

Inflazione

Cos’è l’inflazione?

L’inflazione è il declino del potere d’ acquisto di una data valuta nel tempo. Una stima quantitativa del tasso al quale si verifica il calo del potere d’acquisto può riflettersi nell’aumento di un livello di prezzo medio di un paniere di beni e servizi selezionati in un’economia in un certo periodo di tempo. L’aumento del livello generale dei prezzi, spesso espresso in percentuale, significa che un’unità di valuta effettivamente acquista meno rispetto ai periodi precedenti.

L’inflazione può essere contrastata con la deflazione, che si verifica quando il potere d’acquisto della moneta aumenta e i prezzi diminuiscono.

Punti chiave

  • L’inflazione è il tasso al quale il valore di una valuta sta diminuendo e di conseguenza il livello generale dei prezzi di beni e servizi è in aumento.
  • L’inflazione è talvolta classificata in tre tipi: inflazione spinta dalla domanda, inflazione spinta dai costi e inflazione incorporata.
  • Gli indici di inflazione più comunemente usati sono l’indice dei prezzi al consumo (CPI) e l’indice dei prezzi all’ingrosso (WPI).
  • L’inflazione può essere vista positivamente o negativamente a seconda del punto di vista individuale e del tasso di cambiamento.
  • Quelli con beni tangibili, come proprietà o beni immagazzinati, potrebbero voler vedere un po ‘di inflazione in quanto ciò aumenta il valore dei loro beni.
  • Le persone che detengono liquidità potrebbero non gradire l’inflazione, poiché erode il valore delle loro disponibilità liquide.
  • Idealmente, è necessario un livello ottimale di inflazione per promuovere la spesa in una certa misura invece di risparmiare, alimentando così la crescita economica.

Capire l’inflazione

Sebbene sia facile misurare le variazioni di prezzo dei singoli prodotti nel tempo, i bisogni umani vanno ben oltre uno o due di questi prodotti. Gli individui hanno bisogno di una serie ampia e diversificata di prodotti, nonché di una serie di servizi per vivere una vita confortevole. Includono materie prime come cereali, metallo e carburante, servizi come elettricità e trasporti e servizi come assistenza sanitaria, intrattenimento e lavoro. L’inflazione mira a misurare l’impatto complessivo delle variazioni di prezzo per un insieme diversificato di prodotti e servizi e consente una rappresentazione a valore unico dell’aumento del livello dei prezzi di beni e servizi in un’economia per un periodo di tempo.

Quando una valuta perde valore, i prezzi aumentano e acquista meno beni e servizi. Questa perdita di potere d’acquisto ha un impatto sul costo della vita generale per il pubblico comune che alla fine porta a una decelerazione della crescita economica. L’opinione condivisa tra gli economisti è che l’inflazione sostenuta si verifica quando la crescita dell’offerta di moneta di una nazione supera la crescita economica.

Per combattere questo, l’autorità monetaria appropriata di un paese, come la banca centrale, adotta quindi le misure necessarie per gestire l’offerta di moneta e credito per mantenere l’inflazione entro i limiti consentiti e mantenere l’economia senza intoppi.

Teoricamente, il monetarismo  è una teoria popolare che spiega la relazione tra inflazione e offerta di moneta di un’economia. Ad esempio, in seguito alla conquista spagnola degli imperi azteco e inca, enormi quantità di oro e soprattutto argento fluirono nelle economie spagnole e in altre economie europee. Poiché l’offerta di moneta era aumentata rapidamente, il valore del denaro è diminuito, contribuendo al rapido aumento dei prezzi.

L’inflazione viene misurata in vari modi a seconda dei tipi di beni e servizi considerati ed è l’opposto della deflazione che indica un calo generale che si verifica nei prezzi di beni e servizi quando il tasso di inflazione scende al di sotto dello 0%.

Cause di inflazione

Un aumento dell’offerta di moneta è la radice dell’inflazione, sebbene questo possa svolgersi attraverso diversi meccanismi nell’economia. L’offerta di moneta può essere aumentata dalle autorità monetarie stampando e regalando più denaro agli individui, svalutando legalmente (riducendo il valore) la valuta a corso legale, più (più comunemente) prestando nuova moneta in esistenza come crediti in conto di riserva attraverso il sistema bancario acquistando titoli di Stato dalle banche sul mercato secondario. In tutti questi casi di aumento dell’offerta di moneta, il denaro perde il suo potere d’acquisto. I meccanismi di come questo guida l’inflazione possono essere classificati in tre tipi: inflazione Demand-Pull, inflazione Cost-Push e inflazione incorporata.

Effetto domanda di attrazione

L’inflazione da domanda si verifica quando un aumento dell’offerta di moneta e credito stimola la domanda complessiva di beni e servizi in un’economia ad aumentare più rapidamente della capacità di produzione dell’economia. Ciò aumenta la domanda e porta ad aumenti dei prezzi.

Con più denaro disponibile per gli individui, il sentimento positivo dei consumatori porta a una spesa più elevata e questa maggiore domanda fa aumentare i prezzi. Crea un divario tra domanda e offerta con una domanda più elevata e un’offerta meno flessibile, che si traduce in prezzi più elevati.

Effetto spinta sui costi

L’inflazione spinta dai costi è il risultato dell’aumento dei prezzi che opera attraverso gli input del processo di produzione. Quando le aggiunte all’offerta di moneta e credito vengono incanalate verso i mercati delle materie prime o di altri beni e soprattutto quando questo è accompagnato da uno shock economico negativo all’offerta di merce chiave, i costi per tutti i tipi di beni intermedi aumentano. Questi sviluppi portano a costi più elevati per il prodotto o servizio finito e si fanno strada nell’aumento dei prezzi al consumo. Ad esempio, quando l’espansione dell’offerta di moneta crea un boom speculativo dei prezzi del petrolio, il costo dell’energia per tutti i tipi di usi può aumentare e contribuire all’aumento dei prezzi al consumo, che si riflette in varie misure di inflazione.

Gonfiaggio incorporato

L’inflazione incorporata è correlata alle aspettative adattive, l’idea che le persone si aspettino che i tassi di inflazione attuali continuino in futuro. Man mano che il prezzo di beni e servizi aumenta, i lavoratori e gli altri si aspettano che continueranno a crescere in futuro a un ritmo simile e chiedono più costi / salari per mantenere il loro tenore di vita. Il loro aumento dei salari si traduce in un aumento dei costi di beni e servizi e questa spirale salariale-prezzo continua poiché un fattore induce l’altro e viceversa.

Tipi di indici dei prezzi

A seconda dell’insieme selezionato di beni e servizi utilizzati, più tipi di panieri di merci vengono calcolati e tracciati come indici di prezzo. Gli indici dei prezzi più comunemente utilizzati sono l’indice dei prezzi al consumo (CPI) e l’ indice dei prezzi all’ingrosso (WPI).

L’indice dei prezzi al consumo

Il CPI è una misura che esamina la  media ponderata  dei prezzi di un paniere di beni e servizi che rappresentano i bisogni primari dei consumatori. Includono trasporto, cibo e cure mediche. Il CPI viene calcolato prendendo le variazioni di prezzo per ogni articolo nel paniere predeterminato di beni e calcolandone la media in base al loro peso relativo nell’intero paniere. I prezzi in considerazione sono i prezzi al dettaglio di ogni articolo, così come disponibili per l’acquisto da parte dei singoli cittadini. Le variazioni dell’IPC vengono utilizzate per valutare le variazioni di prezzo associate al  costo della vita, rendendola una delle statistiche più utilizzate per identificare i periodi di inflazione o deflazione. Negli Stati Uniti, il  Bureau of Labor Statistics  riporta il CPI su base mensile e lo ha calcolato fin dal 1913.

L’indice dei prezzi all’ingrosso

Il WPI è un’altra misura popolare dell’inflazione, che misura e tiene traccia delle variazioni del prezzo dei beni nelle fasi precedenti al livello di vendita al dettaglio. Sebbene gli articoli WPI variano da un paese all’altro, includono principalmente articoli a livello di produttore o all’ingrosso. Ad esempio, include i prezzi del cotone per cotone grezzo, filati di cotone, articoli in cotone grigio e indumenti di cotone. Sebbene molti paesi e organizzazioni utilizzino il WPI, molti altri paesi, inclusi gli Stati Uniti, utilizzano una variante simile chiamata indice dei prezzi alla  produzione (PPI).

L’indice dei prezzi alla produzione

L’indice dei prezzi alla produzione è una famiglia di indici che misura la variazione media dei prezzi di vendita ricevuta dai produttori nazionali di beni e servizi intermedi nel tempo. Il PPI misura le variazioni di prezzo dal punto di vista del venditore e differisce dal CPI che misura le variazioni di prezzo dal punto di vista dell’acquirente.

In tutte queste varianti, è possibile che l’aumento del prezzo di un componente (ad esempio il petrolio) annulli in una certa misura il calo del prezzo di un altro (ad esempio il grano). Complessivamente, ogni indice rappresenta la variazione di prezzo media ponderata per i componenti specificati che può essere applicata a livello generale dell’economia, del settore o delle materie prime.

La formula per misurare l’inflazione

Le suddette varianti degli indici dei prezzi possono essere utilizzate per calcolare il valore dell’inflazione tra due mesi (o anni) particolari. Sebbene molti calcolatori dell’inflazione già pronti siano già disponibili su vari portali e siti Web finanziari, è sempre meglio essere consapevoli della metodologia sottostante per garantire l’accuratezza con una chiara comprensione dei calcoli. Matematicamente,

Tasso di inflazione percentuale = (Valore indice CPI finale / Valore CPI iniziale) * 100

Supponiamo che tu voglia sapere come è cambiato il potere d’acquisto di $ 10.000 tra settembre 1975 e settembre 2018. È possibile trovare i dati dell’indice dei prezzi su vari portali in forma tabulare. Da quella tabella, prendi le cifre corrispondenti dell’IPC per i due mesi indicati. Per settembre 1975, era 54,6 (valore CPI iniziale) e per settembre 2018 era 252,439 (valore CPI finale). Collegando la formula si ottiene:

Tasso di inflazione percentuale = (252,439 / 54,6) * 100 = (4,6234) * 100 = 462,34%

Poiché desideri sapere quanto varrebbero $ 10.000 di settembre 1975 nel settembre 2018, moltiplica il tasso di inflazione percentuale per l’importo per ottenere il valore in dollari modificato:

Variazione del valore in dollari = 4,6234 * $ 10.000 = $ 46.234,25

Ciò significa che $ 10.000 nel settembre 1975 varranno $ 46.234,25. In sostanza, se hai acquistato un paniere di beni e servizi (come incluso nella definizione dell’IPC) del valore di $ 10.000 nel 1975, lo stesso paniere ti costerebbe $ 46.234,25 nel settembre 2018.

Pro e contro dell’inflazione

L’inflazione può essere interpretata come una cosa buona o cattiva, a seconda di quale lato si prende e quanto rapidamente si verifica il cambiamento.

Ad esempio, le persone con beni tangibili che hanno un prezzo in valuta, come proprietà o merci in magazzino, potrebbero voler vedere un po ‘di inflazione in quanto ciò aumenta il prezzo dei loro beni che possono vendere a un tasso più elevato. Tuttavia, gli acquirenti di tali attività potrebbero non essere contenti dell’inflazione, poiché saranno tenuti a sborsare più soldi. Le  obbligazioni indicizzate all’inflazione sono un’altra opzione popolare per gli investitori per trarre profitto dall’inflazione.

D’altra parte, anche le persone che detengono attività denominate in valuta, come contanti o obbligazioni, potrebbero non apprezzare l’inflazione, poiché erode il valore reale delle loro partecipazioni. Gli investitori che cercano di proteggere i propri portafogli dall’inflazione dovrebbero prendere in considerazione le classi di attività coperte dall’inflazione, come l’oro, le materie prime e i fondi comuni di investimento immobiliare (REIT).

L’inflazione promuove la speculazione, sia da parte delle imprese in progetti rischiosi che da parte di individui in azioni di società, poiché si aspettano rendimenti migliori dell’inflazione. Un livello ottimale di inflazione viene spesso promosso per incoraggiare in una certa misura la spesa invece del risparmio. Se il potere d’acquisto del denaro diminuisce nel tempo, potrebbe esserci un maggiore incentivo a spendere ora invece di risparmiare e spendere in seguito. Potrebbe aumentare la spesa, il che potrebbe stimolare le attività economiche in un paese. Si ritiene che un approccio equilibrato mantenga il valore dell’inflazione in un intervallo ottimale e desiderabile.

Tassi di inflazione elevati e variabili possono imporre costi importanti a un’economia. Imprese, lavoratori e consumatori devono tutti tenere conto degli effetti dell’aumento generale dei prezzi nelle loro decisioni di acquisto, vendita e pianificazione. Ciò introduce un’ulteriore fonte di incertezza nell’economia, perché potrebbero indovinare erroneamente il tasso di inflazione futura. Il tempo e le risorse spesi per la ricerca, la stima e l’adeguamento del comportamento economico intorno all’aumento previsto del livello generale dei prezzi, piuttosto che ai fondamentali economici reali, rappresenta inevitabilmente un costo per l’economia nel suo complesso.

Anche un tasso di inflazione basso, stabile e facilmente prevedibile, che alcuni considerano altrimenti ottimale, può portare a seri problemi nell’economia, a causa di come, dove e quando la nuova moneta entra nell’economia. Ogni volta che nuova moneta e credito entrano nell’economia, sono sempre nelle mani di individui o imprese commerciali specifici, e il processo di aggiustamento del livello dei prezzi alla nuova offerta di moneta procede mentre spendono il nuovo denaro e circola di mano in mano e in conto per rendere conto attraverso l’economia.

Lungo la strada, aumenta prima alcuni prezzi e successivamente altri prezzi. Questo cambiamento sequenziale del potere d’acquisto e dei prezzi (noto come effetto Cantillon) significa che il processo di inflazione non solo aumenta il livello generale dei prezzi nel tempo, ma distorce anche i prezzi relativi, i salari e i tassi di rendimento lungo il percorso. Gli economisti in generale capiscono che le distorsioni dei prezzi relativi al di fuori del loro equilibrio economico non sono buone per l’economia, e gli economisti austriaci credono persino che questo processo sia uno dei principali motori dei cicli di recessione nell’economia.

Controllo dell’inflazione

L’autorità di regolamentazione finanziaria di un paese si assume l’importante responsabilità di tenere sotto controllo l’inflazione. Viene fatto implementando misure attraverso la politica monetaria, che si riferisce alle azioni di una banca centrale o di altri comitati che determinano le dimensioni e il tasso di crescita dell’offerta di moneta.

Negli Stati Uniti, gli  obiettivi di politica monetaria della Fed  includono tassi di interesse a lungo termine moderati, stabilità dei prezzi e massima occupazione, e ciascuno di questi obiettivi è inteso a promuovere un ambiente finanziario stabile. La Federal Reserve comunica chiaramente gli obiettivi di inflazione a lungo termine al fine di mantenere un tasso di inflazione stabile a lungo termine, che si ritiene sia vantaggioso per l’economia.

La stabilità dei prezzi, o un livello di inflazione relativamente costante, consente alle aziende di pianificare il futuro poiché sanno cosa aspettarsi. La Fed ritiene che ciò promuoverà la massima occupazione, che è determinata da fattori non monetari che fluttuano nel tempo e sono quindi soggetti a cambiamento. Per questo motivo, la Fed non fissa un obiettivo specifico per la massima occupazione, ed è in gran parte determinato dalle valutazioni dei datori di lavoro. Massima occupazione non significa zero disoccupazione, poiché in un dato momento c’è un certo livello di  volatilità  quando le persone lasciano il posto e iniziano nuovi lavori.

Le autorità monetarie adottano anche misure eccezionali in condizioni estreme dell’economia. Ad esempio, a seguito della crisi finanziaria del 2008, la Fed statunitense ha mantenuto i tassi di interesse vicini allo zero e ha perseguito un programma di acquisto di obbligazioni chiamato  quantitative easing. Alcuni critici del programma hanno affermato che avrebbe causato un aumento dell’inflazione nel dollaro USA, ma l’inflazione ha raggiunto il picco nel 2007 ed è diminuita costantemente negli otto anni successivi. Ci sono molte ragioni complesse per cui il QE non ha portato all’inflazione o all’iperinflazione, anche se la spiegazione più semplice è che la recessione stessa è stata un ambiente deflazionistico molto prominente e l’allentamento quantitativo ha sostenuto i suoi effetti.

Di conseguenza, i politici statunitensi hanno tentato di mantenere l’inflazione costante intorno al 2% all’anno.  La  Banca centrale europea  ha anche perseguito un allentamento quantitativo aggressivo per contrastare la deflazione nell’eurozona e alcuni paesi hanno registrato  tassi di interesse negativi, a causa dei timori che la deflazione possa prendere piede nella zona euro e portare alla stagnazione economica.  Inoltre, i paesi che stanno registrando tassi di crescita più elevati possono assorbire tassi di inflazione più elevati. L’obiettivo dell’India è intorno al 4%, mentre il Brasile punta al 4,25%.7

50%

L’iperinflazione è spesso descritta come un periodo di inflazione del 50% o più al mese.

Copertura contro l’inflazione

Le azioni sono considerate la migliore copertura contro l’inflazione, poiché l’aumento dei prezzi delle azioni include gli effetti dell’inflazione. Poiché le aggiunte all’offerta di moneta in quasi tutte le economie moderne si verificano come iniezioni di credito bancario attraverso il sistema finanziario, gran parte dell’effetto immediato sui prezzi si verifica in attività finanziarie quotate in valuta, come le azioni.

Inoltre, esistono strumenti finanziari speciali che si possono utilizzare per salvaguardare gli investimenti dall’inflazione. Includono Treasury Inflation Protected Securities (TIPS), titoli del tesoro a basso rischio indicizzati all’inflazione in cui l’importo principale investito è aumentato della percentuale di inflazione. Si può anche optare per un fondo comune TIPS   o un fondo negoziato su base TIPS (ETF). Per accedere a azioni, ETF e altri fondi che possono aiutare a evitare i pericoli dell’inflazione, probabilmente avrai bisogno di un conto di intermediazione. La scelta di un agente di cambio può essere un processo noioso a causa della varietà tra di loro.

L’oro è anche considerato una copertura contro l’inflazione, anche se questo non sembra essere sempre il caso guardando indietro.

Esempi estremi di inflazione

Poiché tutte le valute mondiali sono  denaro fiat, l’offerta di moneta potrebbe aumentare rapidamente per motivi politici, determinando rapidi aumenti del livello dei prezzi. L’esempio più famoso è l’iperinflazione che colpì la Repubblica tedesca di Weimar all’inizio degli anni ’20. Le nazioni che erano state vittoriose nella prima guerra mondiale chiesero riparazioni dalla Germania, che non poteva essere pagata in valuta cartacea tedesca, poiché questo era di valore sospetto a causa del prestito del governo. La Germania ha tentato di stampare banconote di carta, acquistare con loro valuta estera e usarla per pagare i propri debiti.

Questa politica portò alla rapida svalutazione del  marco tedesco e l’iperinflazione accompagnò lo sviluppo. I consumatori tedeschi hanno risposto al ciclo cercando di spendere i propri soldi il più velocemente possibile, comprendendo che sarebbe valso sempre meno quanto più avrebbero aspettato. Sempre più denaro inondò l’economia e il suo valore precipitò al punto in cui le persone avrebbero tappezzato i loro muri con banconote praticamente prive di valore. Situazioni simili si sono verificate in  Perù nel 1990 e in Zimbabwe nel 2007-2008.

Domande frequenti

Cosa causa l’inflazione?

Ci sono tre cause principali dell’inflazione: inflazione spinta dalla domanda, inflazione spinta dai costi e inflazione incorporata. L’inflazione da domanda si riferisce a situazioni in cui non ci sono abbastanza prodotti o servizi prodotti per stare al passo con l’offerta, causando un aumento dei loro prezzi. L’inflazione spinta dai costi, d’altra parte, si verifica quando il costo di produzione di prodotti e servizi aumenta, costringendo le imprese ad aumentare i prezzi. Infine, l’inflazione incorporata – a volte indicata come una “spirale salario-prezzo” – si verifica quando i lavoratori chiedono salari più alti per tenere il passo con l’aumento del costo della vita. Ciò a sua volta fa sì che le imprese aumentino i prezzi per compensare l’aumento dei costi salariali, portando a un ciclo di aumento dei salari e dei prezzi che si autoalimenta.

L’inflazione è buona o cattiva?

Un’inflazione eccessiva è generalmente considerata dannosa per un’economia, mentre anche un’inflazione troppo bassa è considerata dannosa. Molti economisti sostengono una fascia media di inflazione da bassa a moderata, intorno al 2% all’anno. In generale, un’inflazione più elevata danneggia i risparmiatori perché erode il potere d’acquisto del denaro che hanno risparmiato. Tuttavia, può avvantaggiare i mutuatari perché il valore corretto per l’inflazione dei loro debiti in essere si riduce nel tempo.

Quali sono gli effetti dell’inflazione?

L’inflazione può influenzare l’economia in diversi modi. Ad esempio, se l’inflazione fa diminuire la valuta di una nazione, ciò può avvantaggiare gli esportatori rendendo i loro beni più convenienti se valutati nella valuta di nazioni straniere. D’altra parte, ciò potrebbe danneggiare gli importatori rendendo i beni di fabbricazione straniera più costosi. Un’inflazione più elevata può anche incoraggiare la spesa, poiché i consumatori mireranno ad acquistare beni rapidamente prima che i loro prezzi aumentino ulteriormente. I risparmiatori, d’altra parte, potrebbero vedere il valore reale dei loro risparmi erodere, limitando la loro capacità di spendere o investire nel futuro.

Adblock
detector