Regola del mercato veloce

Qual è la regola del mercato veloce?

La regola del mercato veloce è una regola nel Regno Unito che consente ai market maker di negoziare al di fuori degli intervalli quotati quando una borsa determina che i movimenti del mercato sono così bruschi che le quotazioni non possono essere mantenute aggiornate.

Lo scopo della regola del mercato veloce è mantenere un mercato ordinato durante un periodo di caos. Secondo la regola, i market maker devono disattivare i loro sistemi di negoziazione computerizzati (chiamati scatole nere ). Non devono quotare i prezzi delle azioni in base ai prezzi dello schermo della Borsa di Londra mentre il mercato veloce è in vigore, ma sono comunque tenuti a fare quotazioni ferme.

Punti chiave

  • La regola del mercato veloce è una regola nel Regno Unito che consente ai market maker di negoziare al di fuori degli intervalli quotati quando una borsa determina che i movimenti del mercato sono così bruschi che le quotazioni non possono essere mantenute aggiornate.
  • La regola del mercato veloce viene utilizzata nel Regno Unito, principalmente nella Borsa di Londra (LSE), quando si verifica un mercato veloce. (Un mercato veloce è un mercato che opera a un volume elevato e diventa caotico, soprattutto in termini di prezzi in calo.)
  • Quando viene emanata la regola del mercato veloce, i market maker devono disattivare i loro sistemi di negoziazione computerizzati (chiamati scatole nere).
  • I market maker non devono quotare i prezzi delle azioni in base ai prezzi dello schermo della Borsa di Londra mentre il mercato veloce è in vigore, ma sono comunque tenuti a fare quotazioni ferme.

Capire la regola del mercato veloce

La regola del mercato veloce viene utilizzata nel Regno Unito, principalmente nella Borsa di Londra (LSE), quando si verifica un mercato veloce. Un mercato veloce è un mercato che negozia ad un volume pesante e diventa caotico, soprattutto in termini di prezzi in calo. I mercati veloci sono rari e sono innescati da circostanze molto insolite. Ad esempio, la Borsa di Londra ha dichiarato un mercato veloce il 7 luglio 2005, dopo che la città ha subito un attacco terroristico. I prezzi delle azioni sono diminuiti drasticamente e gli scambi sono stati eccezionalmente pesanti.

Normalmente, le azioni devono essere negoziate entro un certo intervallo, quotate come il prezzo più alto che un acquirente pagherà e il prezzo più basso che un venditore accetterà. Poiché è praticamente impossibile tenere il passo con queste gamme durante un mercato veloce, la regola del mercato veloce consente che le negoziazioni avvengano al di fuori di quelle gamme quotate. Ciò impedisce al mercato di fermarsi perché i trader rimangono bloccati o confusi. Quindi, per facilitare la regola del mercato veloce, i trader disattivano le loro scatole nere mentre la regola è in vigore.

La regola del mercato veloce è stata creata per mantenere il mercato commerciale quando è diventato un mercato veloce. In precedenza, l’unica opzione durante un mercato veloce era quella di mettere in atto un interruttore di circuito, che innesca un arresto automatico del trading quando il mercato scende troppo rapidamente.

Regola del mercato veloce contro interruttore di circuito

La regola del mercato veloce è stata creata per sostituire l’ interruttore. Secondo alcuni, l’interruttore di circuito stava danneggiando il mercato interrompendo gli scambi. Un interruttore di circuito è un meccanismo che consente a una borsa di interrompere temporaneamente le negoziazioni quando i prezzi diminuiscono bruscamente per evitare vendite di panico. Poiché l’arresto del mercato impedisce tutte le attività di scambio, è più salutare continuare a fare trading fornendo un modo per i trader di essere senza restrizioni in modo che possano scambiare liberamente senza essere confusi o paralizzati. La regola del mercato veloce consente che ciò avvenga costringendo i trader a fare trading senza assistenza elettronica e consentendo loro di operare al di fuori dell’intervallo quotato.