Crediti Facebook

Cosa erano i crediti di Facebook?

I crediti di Facebook erano virtuali e potevano essere utilizzati per acquistare beni nei giochi online attraverso la piattaforma di social networking Facebook. I crediti di Facebook erano disponibili per l’acquisto online utilizzando una carta di credito, un account PayPal, un telefono cellulare o vari altri metodi di pagamento, oltre che offline in vari punti vendita. I crediti erano quindi destinati ad essere utilizzati per acquistare giochi o applicazioni software, denominate anche app, presenti sulla piattaforma Facebook.

I crediti erano attivi dal 2011 al 2013 circa prima di essere tramontati.

Punti chiave

  • I crediti di Facebook sono stati gradualmente eliminati dalla società nel 2012 e completamente sospesi entro il 2013.
  • I crediti di Facebook erano uno schema di pagamento proprietario relativamente di breve durata utilizzato sulla piattaforma di Facebook per pagare oggetti o servizi virtuali o di gioco.
  • Un credito inizialmente costava $ 0,10 USD e Facebook ha ridotto del 30% tutti gli acquisti sulla piattaforma che utilizzavano crediti.1
  • La società ha lanciato la versione beta dei crediti nel 2011 e ha abbandonato il progetto entro il 2013.
  • Nel 2019, Facebook ha annunciato una valuta specifica per piattaforma basata su blockchain più ambiziosa chiamata Libra, che dovrebbe essere lanciata nel 2021.

Capire i crediti di Facebook

Invece di utenti che acquistano cose sull’ecosistema di Facebook utilizzando la loro valuta locale, Facebook ha lanciato Credits, una valuta virtuale proprietaria intermedia che costa $ 0,10 ciascuno e che potrebbe quindi essere spesa in beni virtuali o valuta specifica del gioco. I crediti di Facebook dovevano essere utilizzati per acquistare beni immateriali come regali virtuali in-game o in-app, pacchi di beni immobili virtuali, armi virtuali, strumenti e “animali” in videogiochi o applicazioni basati su piattaforme. Facebook ha guadagnato il 30% di tutti gli acquisti effettuati utilizzando i crediti.

La fase beta della piattaforma si è conclusa intorno al gennaio 2011, momento in cui Facebook ha annunciato che richiedeva a tutti gli sviluppatori di giochi di Facebook di elaborare le transazioni esclusivamente con crediti Facebook. Alla fine del 2011 questo denaro virtuale era garantito dalle valute emesse dal governo di oltre 50 paesi diversi. Tuttavia, Facebook ha annunciato nel 2012 che stava chiudendo i crediti di Facebook e convertendo i fondi accumulati dagli utenti nelle loro valute legali locali.

Crediti contro Bilancia

Nel 2019, Facebook ha annunciato che stava rivisitando l’idea di una valuta digitale specifica per piattaforma che potesse essere utilizzata dagli utenti di qualsiasi paese chiamato blockchain e funzionare come una criptovaluta come Bitcoin. L’obiettivo è creare uno stablecoin contro un crogiolo di valute legali e il cui valore non oscilla molto.

Inoltre, Libra dovrebbe essere supportata da diverse grandi società finanziarie e di pagamento come PayPal, Visa e MasterCard, sebbene molte di queste alleanze aziendali abbiano già vacillato. Il progetto Libra è stato anche sottoposto a controllo da parte di regolatori e responsabili politici, nonché respingimenti da parte della più ampia comunità di criptovalute che affermano che non è così sicuro o tecnologico come la società ritiene che sia.