Gatto grasso

Cos’è un gatto grasso?

Il termine “gatto grasso” è una descrizione gergale dei dirigenti che guadagnano quelli che molti credono essere stipendi e bonus irragionevolmente alti. Questi alti dirigenti ricevono anche pensioni generose e pacchetti pensionistici costituiti da compensi extra non disponibili per altri dipendenti dell’azienda.

Punti chiave

  • Un “gatto grasso” è il gergo di un ricco dirigente che accumula generosamente ricchezza in eccesso oltre ciò che la gente comune vede come un giusto compenso.
  • Nonostante siano a volte criticati dal pubblico, i “gatti grassi” hanno spesso una grande influenza grazie al loro potere di spesa e alla capacità di donare a cause e candidati politici.
  • Esempi di “gatti grassi” includono magnati e rapinatori del passato, ma anche amministratori delegati contemporanei e direttori aziendali.

Capire il “gatto grasso”

Il termine gatto grasso evoca l’immagine di gatti che consumano più di una quantità adeguata di cibo e diventano grossolanamente sovrappeso.

Le società quotate in borsa sono tenute a rivelare l’importo del compenso che ricevono i loro primi cinque dirigenti. Di conseguenza, le aziende sono state sottoposte a numerosi controlli per compensi eccessivi dei dirigenti, soprattutto a fronte di entrate in difficoltà. I gatti grassi sono spesso considerati come aventi enormi quantità di capitale a loro disposizione personale. Oltre a qualsiasi posizione esecutiva o appartenenza al consiglio di amministrazione dell’individuo, un gatto grasso può anche avere una notevole influenza nelle comunità sociali, comunitarie, politiche e imprenditoriali.

Come un gatto grasso sfrutta l’influenza

Il presupposto è che i gatti grassi abbiano una comprovata comprensione di come generare ricchezza su scala sostanziale e che si ritiene che il loro contributo generi risultati lucrativi.

Ad esempio, un gatto grasso potrebbe aver guadagnato un guadagno considerevole da un’impresa redditizia, come la vendita di un’azienda che hanno contribuito a fondare o crescere all’inizio della loro carriera. Insieme al denaro derivante dall’affare, l’individuo potrebbe aver sviluppato influenza e una notevole reputazione tra i suoi coetanei. L’influenza e la leva che un gatto grasso potrebbe esercitare possono derivare da attività tangibili, come diventare un investitore in aziende e startup in fase iniziale.

I gatti grassi potrebbero stabilire organizzazioni, fondi o altre piattaforme che consentono loro di sfruttare attivamente la loro ricchezza per sostenere alcuni sforzi. Le campagne politiche potrebbero cercare il sostegno dei gatti grassi per il loro accesso al capitale per i finanziamenti e per l’influenza che possono esercitare con altri potenziali donatori ed elettori.

Un gatto grasso potrebbe anche mediare accordi e accordi commerciali attraverso le connessioni che hanno sviluppato. Questa influenza potrebbe essere potenzialmente utilizzata per influenzare l’attività in un mercato o in un’industria in cui il gatto grasso ha una quota considerevole. L’uso di tale influenza potrebbe sollevare questioni di etica e legalità, a seconda delle azioni intraprese da un gatto grasso. Ad esempio, se un gatto grasso dovesse usare la sua influenza per costringere i fornitori a non fare affari con un rivale al fine di costringerli a chiudere l’attività, tali azioni potrebbero attirare l’attenzione delle autorità di regolamentazione.

Esempi reali di gatti grassi

Un esempio reale di un gatto grasso sarebbe l’ex CEO della Disney (DIS), Michael Eisner. Per un periodo di cinque anni alla fine degli anni ’90, Eisner ha ricevuto oltre $ 737 milioni di risarcimento, nonostante il fatto che l’ utile netto quinquennale della società si sia ridotto in media del 3,1% ogni anno. Nel 2017, Hock Tan di Broadcom Inc. (AVGO) ha guadagnato $ 103,2 milioni, un anno in cui le azioni sono aumentate di oltre il 40%.

Sempre nel 2017, W. Nicholas Howley di TransDigm Group Inc. (TDG) ha guadagnato 61 milioni di dollari, un anno in cui il titolo ha guadagnato poco più dell’8%.